La SOLUZIONE per prendersi cura della propria CASA con interventi di efficientamento energetico o riduzione del rischio sismico

Superbonus 110%

Vorresti usufruire del Superbonus 110% ma non sai dai dove partire?

Affidati a noi, ti aiuteremo in tutta la gestione della pratica.

SUPERBONUS 110%

La SOLUZIONE per prendersi cura della propria CASA con interventi di efficientamento energetico o riduzione del rischio sismico!

Cos’è il SUPERBONUS

Il Superbonus è un’agevolazione prevista dal Decreto Rilancio che eleva al 110% l’aliquota di detrazione delle spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021, per specifici interventi in ambito di efficienza energetica, di interventi antisismici, di installazione di impianti fotovoltaici o delle infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici.


Si può ottenere per:

  • spese sostenute dal 1° luglio 2020 al 31 dicembre 2021;
  • interventi che portano a migliorare di almeno 2 classi energetiche l’edificio;

CHI NE PUÒ USUFRUIRE

Condòmini

Persone fisiche

Cooperative a proprietà indivisa

Istituti autonomi case popolari (IACP)

Organizzazioni non lucrative di utilità sociale

Associazioni e società sportive dilettantistiche

QUALI INTERVENTI RIENTRANO NEL SUPERBONUS 110%

LAVORI TRAINANTI

  • Isolamento termico involucro edilizio per una superficie > del 25% della superficie disperdente (Cappotto termico – Serramenti)
  • Sostituzione generatore di calore con:

– Caldaie a condensazione classe A (solo nei Condomìni centralizzati)

– Pompa di calore in classe A (edifici unifamiliari e a schiera)

LAVORI TRAINATI

La realizzazione di almeno uno degli interventi di cui sopra permette di inserire altre realizzazioni che possono essere detratte al 110% tra cui:

  • Impianti fotovoltaici con o senza sistema di accumulo
  • Infrastrutture per la ricarica di veicoli elettrici negli edifici
  • Impianti di cogenerazione
  • Serramenti e schermature solari
  • Solare termico
  • Building Automation

CON QUALI MASSIMALI

Gli importi massimi detraibili sono:

Condomìni da 2 a 8 unità

• isolamento termico edificio: 40.000 € a unità;

• sostituzione dell’impianto con caldaia o pompa di calore: 20.000 €;

Condomìni da 9 unità in su

• isolamento termico edificio: 30.000 € a unità;

• sostituzione impianto con caldaia o pompa di calore: 15.000 €;

Edifici unifamiliari o unità con autonomia funzionale

• isolamento termico dell’edificio: 50.000 € a unità;

• sostituzione impianto con caldaia o pompa di calore: 30.000 €;

Ad ognuno di questi interventi si possono abbinare:


• installazione di fotovoltaico

(max 48.000 € o 2.400 €/kW)


• installazione di batterie d’accumulo

(max 1.000 €/kWh)


• installazione di colonnine di ricarica

ristrutturazione e riqualificazione 

COME RICHIEDERE SUPERBONUS

Ci sono 3 modalità per richiedere SUPERBONUS:

A) DETRAZIONE FISCALE IRPEF

In questo caso pagherai i lavori tramite bonifico, ottenendo una detrazione del 110% per la spesa sostenuta, che sarà restituita in 5 rate annuali di pari importo.


B) CESSIONE CREDITO

Se invece non hai liquidità a disposizione, puoi cedere il credito all’impresa che eseguirà i lavori, alla banca oppure ad altri intermediari finanziari.


C) SCONTO IN FATTURA

In questo caso riceverai uno sconto in fattura pari al 100% del costo dei lavori da parte dell’impresa che ha effettuato i lavori. Quest’ultima acquisisce un credito che potrà cedere a soggetti terzi, a banche o intermediari finanziari.

COS’È LA CESSIONE DEL CREDITO?

La grande novità introdotta dal Decreto Rilancio (art.121) consente di cedere il credito d’imposta del 110% a fornitori, banche, intermediari finanziari e altri soggetti

mettendosi così al sicuro dal rischio di non poter godere appieno delle detrazioni fiscali e senza la necessità di anticipare i soldi per i lavori.

La detrazione del Superbonus 110 può essere dunque utilizzata, direttamente, in dichiarazione dei redditi a scomputo delle imposte suddividendo il beneficio in 5 quote annuali. Oppure è possibile optare:

Cessione del credito

Un credito d’imposta di pari ammontare, con facoltà di successiva cessione ad altri soggetti, compresi gli istituti di credito e gli altri intermediari finanziari. Da tener presente che la quota di credito non utilizzata nell’anno non può essere fruita negli anni successivi né chiesta a rimborso.

Sconto sul corrispettivo

Il fornitore degli interventi offre uno sconto sul corrispettivo per un importo al massimo pari al corrispettivo stesso, che il fornitore recupererà ricevendo un credito di imposta pari alla detrazione spettante, cedibile ad istituti di credito o altri intermediari finanziari. La quota di credito non utilizzata nell’anno non può essere fruita negli anni successivi néchiesta a rimborso.


STATI DI AVANZAMENTO

Cessione a rate

Fino a oggi la cessione dei crediti fiscali era possibile solo al momento della chiusura del cantiere. L’opzione della cessione del

credito o, in alternativa dello sconto in fattura, potrà essere esercitata in relazione a ciascun stato di avanzamento dei lavori.

Ciascun stato di avanzamento dovrà valere almeno il 30% dell’importo complessivo dei lavori. Si dovranno prevedere obbligatoriamente 2 stati di avanzamento lavori e un saldo alla chiusura dell’intervento. In questo modo, i crediti fiscali diventano cedibili prima e migliora la sostenibilità finanziaria delle operazioni per Imprese, Banche e Assicurazioni.


QUALI SERVIZI

La classificazione dell’A.P.E. contempla tutti i servizi (riscaldamento, raffrescamento, acqua calda, ventilazione, illuminazione, trasporto), ed è possibile agire sull’involucro abbassando il fabbisogno e/o sull’impianto incrementando l’utilizzo di fonti rinnovabili.


COSA FARE

  • informarsi dal proprio gestore contabile sulla propria capienza IRPEF;
  • recuperare, se la si possiede, l’A.P.E. del proprio immobile;
  • contattare ASSIX per essere guidati e supportati da uno Specialista Credit Plan Condominium:

Verifiche ENEA e controlli Agenzia delle Entrate

Il perfezionamento delle pratiche per la cessione del credito o sconto in fattura del Superbonus 110% richiede obbligatoriamente:

  • l’attestato di prestazione energetica (A.P.E.) che certifichi il miglioramento di 2 classi della prestazione energetica
  • l’asseverazione di un Tecnico Professionista abilitato
  • il visto di conformità dei dati e della documentazione da parte di Professionisti con specifiche qualifiche
  • un set di adeguate coperture assicurative, che possano tutelare i Committenti, le Imprese appaltatrici ed i Direttori dei Lavori
  • per gli interventi antisismici occorre stipulare una polizza assicurativa che copra il rischio per eventi calamitosi

*(in caso di cessione del credito ad un’Assicurazione, il costo della polizza è detraibile per il 90%)

In caso di violazioni o mancato rispetto delle norme sono previste pesanti sanzioni (fino a 15.000 euro per pratica)

Per tutelare il tuo investimento e l'immobile che sta per essere efficientato, ASSIX ha studiato delle polizze assicurative dedicate.

Per gli edifici che hanno bisogno di un piano di efficientamento energetico, abbiamo elaborato una proposta speciale: Credit Plan Condominium.